La Dipendenza sessuale e il suo carattere compulsivo

19.01.2021


Risulta importante definire per prima cosa che il DSM-5 ( Manuale Diagnostico e statistico dei disturbi mentali) non inserisce come patologia a sè stante  il disturbo di dipendenza sessuale. 

Con il carattere di dipendenza e quindi di compulsivitá, la dipendenza sessuale risulta avere una cornice diagnostica tra quelle che sono le dipendenze comportamentali, ovvero quei comportamenti patologici a carattere compulsivo che coinvolgono oggetti o attività di vario genere,  quali  il cibo, il gioco d'azzardo, il lavoro, lo shopping e appunto la sessualità. 

Sicuramente negli ultimi decenni un interesse sempre piú crescente è stato dato al carattere compulsivo e dipendente di alcuni comportamenti legati alla sfera della sessualitá.

Mi soffermo sul carattere della compulsivitá per rendere più incisiva la caratteristica della dipendenza. La compulsivitá si potrebbe tradurre come  il non poter fare a meno, l'avere un pensiero intrusivo e costante sull'attivitá da compiere totalmente fuori dal controllo della persona  (come avviene per il gioco d'azzardo, il binge eating, le sostanze stupefacenti etc.). 

Le dipendenze spesso sono meccanismi che vengono messi in atto per alleviare una tensione, una situazione ansiosa e angosciante.  Cosa succede peró dopo aver attuato il comportamento da cui si ha dipendenza sessuale (trattasi anche di attività legate alla sessualità come ad esempio pornografia, chat erotiche, etc)? Ci sono sicuramente vissuti di malessere, vergogna, sensi di colpa e senso di fallimento,  oltre che una serie di sintomi cognitivi. Per citarne alcuni:  pensieri ossessivi legati al sesso, razionalizzazione del proprio comportamento sessuale compulsivo, senso di colpa legato a un comportamento sessuale eccessivo o problematico, solitudine, noia o rabbia, depressione, bassa autostima,vergogna e  progressiva disconnessione tra sesso e intimità. 

Quanti uomini, donne, ragazzi/e,  confrontandosi durante terapie ad hoc, individuali o di gruppo, confermano proprio il dato della disconnessione dal partner sessuale, il senso dell'abitudine nel fare sesso oltre che descrivere l'atto sessuale  come un calmiere di una certa ansia... per poi dopo l'atto sentirsi soli, miserabili e angosciati! 

 In terapia poi vengono portate spie specifiche della dipendenza sessuale quali ad esempio: frequenti incontri di tipo sessuale, masturbazione compulsiva, ricerca di partner sessuali sempre diversi, numerosi tentativi falliti di interrompere o ridurre il comportamento sessuale, problematico o eccessivo, l' intraprendere attività sessuali anche senza la presenza di eccitazione fisica e molti altri. 

Quali sono le cause? Perché alcuni individui sviluppano questa dipendenza? Quale il trattamento terapeutico elettivo? 

Le cause sono molte e diversificate, ci sono condizioni mediche (si vedano alcuni casi di demenza che influiscono su aree specifiche del cervello che controllano l'inibizione). Recentemente si é presa anche in considerazione la disregolazione emotiva, come componente principe della ricerca di sensazioni forti, che talora va ad agganciarsi ad alcune predisposizioni individuali o a livelli di ormoni elevati come testosteroni ed estrogeni che influenzano il desiderio sessuale. Poi ci sono tutte le componenti psicologiche che hanno un peso specifico importante.  Ad esempio sono fattori concorrenti:  l' abuso o l'esposizione precoce a contenuti di tipo sessuale, l' ansia, la depressione, i disturbi di personalità, difficoltà nel controllo degli impulsi.   Inoltre gli individui che soffrono di  Disturbo Bipolare hanno generalmente probabilità maggiori di intraprendere comportamenti sessuali eccessivi o rischiosi.

Avere un desiderio sessuale, più o meno acceso non significa soffrire di dipendenza sessuale! L'accento va posto sul carattere di incontrollabilità e di malvissuto che si manifesta nell'individuo con dipendenza,  perché appunto la dipendenza sessuale é più forte della propria capacitá di scegliere.  

Per quanto riguarda il trattamento va detto che per i soggetti che soffrono di dipendenza sessuale è stata dimostrata l'efficacia di programmi di trattamento integrato che includono la terapia di gruppo, la psicoterapia individuale e la farmacoterapia.

 Il professionista a cui ci si rivolge saprá indirizzare verso il percorso terapeutico combinato più appropriato e saprá affrontare la patologia sicuramente tenendo conto della multidimensionalitá del trattamento. 

Dott. Mauro Bruzzese, 

PsicologON